Blog

di Gabriella Coronelli





immagine categoria

GO al Festival Internazionale del Giornalismo 2016

A Perugia la decima edizione dal 6 al 10 aprile

05/04/2016
 
La decima edizione tra informazione, partecipazione e condivisione
Festival Internazionale del Giornalismo - Perugia 6-10 aprile 2016
Nel mese di febbraio, a Torino, si è tenuto il Festival del Giornalismo Alimentare, di respiro regionale si è parlato di cibo non di giornalismo. Il giornalismo è un'arte, un mestiere che, personalizzato, si trasforma in arte raffinata e importante vettore di conoscenze, valori e consapevolezze.
Come sostiene Gualtiero Marchesi, tutto comincia dalla tecnica, conoscere bene le tecniche consente di creare con maestria e creatività con disinvoltura e ironia. L'universo food ha subito una consistente invasione barbarica da chi si è improvvisato giornalista, blogger, opinion leader, ecc. il risultato è che si parla di cibo cucinato, mangiato, degustato ma non si fa giornalismo.

#IJF16 scivola su cruciani
Click to tweet



Splendida occasione, il Festival di Perugia, per aggiornarsi e migliorare la professionalità individuale al fine di informare e allargare le conoscenze del pubblico utilizzando i nuovi media e i nuovi linguaggi perché il cibo, prima di essere tale, appartiene ad un sistema in cui tutto è interconnesso e non se ne ha percezione: la massa conosce il cibo nella versione definitiva come proposto dall GD o dai vari format di ristorazione, una visione globale può essere trasferita esclusivamente da un giornalismo professionale capace di fare "cult", alimentare la mente.
Purtroppo tra gli ospiti ci sarà anche cruciani - volutamente minuscolo - non so cosa ci starà a fare e non immagino come possa condividere spazio e ossigeno con "professionisti" immeritevoli di trovarselo intorno ... una scivolata dell'organizzazione (ce ne sono altre, questa solo la più sconsiderata). 
Festival Internazionale del Giornalismo - Perugia 6-10 aprile 2016Torna a Perugia dal 6 al 10 aprile il Festival Internazionale del Giornalismo, il più importante media event del panorama internazionale.
5 giorni, oltre 200 eventi - tra incontri-dibattito, interviste, film e documentari, presentazioni di libri, workshop, serate teatrali - oltre 500 speaker da 34 paesi diversi, e come sempre tutto rigorosamente a ingresso libero e in live streaming.
Dove sta andando il giornalismo?
è la domanda alla base della decima edizione del festival e che metterà a confronto il pubblico e gli speaker in arrivo da tutto il mondo, attraverso la condivisione e il racconto della rivoluzione permanente che stiamo vivendo.
Tante le tematiche messe in discussione: fact-checking, data journalism, explanatory journalism, il ruolo giornalistico delle piattaforme, paywall vs crowdfunding, l’era dei video e del mobile, robot journalism, il coinvolgimento dei lettori e il ruolo civico dell’informazione, il giornalismo mobile first, social networks vs media mainstream…

#IJF16 Come and join us!
Click to tweet



Ma non solo temi che riguardano strettamente il mondo del giornalismo, si parlerà anche di attualità: dai migranti, le guerre, il terrorismo, l’Europa in crisi e le nuove sfide della democrazia, la privacy e la sorveglianza di massa, la libertà di espressione, fino alla riflessione intorno al mondo della letteratura, della musica e dello sport; non mancherà inoltre un incontro per indagare sul caso di Giulio Regeni, alla luce dei recenti sviluppi.
Quattro i talk previsti -sul mondo del giornalismo che cambia, sulla battaglia per la democrazia e la libertà di informazione- affidati a Hossein Derakhshan scrittore e blogger iraniano-canadese, un pioniere dei blog in Iran, considerato in patria “the BlogFather”, Mark Little vicepresidente media Europa-Africa Twitter e fondatore di Storyful -una delle più importanti piattaforme di verifica dei contenuti online-, Iyad El-Baghdadi attivista per i diritti umani e scrittore, cresciuto negli Emirati Arabi, da cui è stato espulso dopo essere stato arrestato, ha avuto un ruolo importantissimo durante la Primavera Araba informando sulla rivoluzione in Egitto tramite Twitter, Peter Greste pluripremiato giornalista e corrispondente australiano, ha lavorato per Reuters, CNN, BBC e per Al Jazeera English. Nel 2013 è stato arrestato in Egitto, insieme ad altri due giornalisti di Al Jazeera, con l’accusa di "mettere a repentaglio la sicurezza nazionale" con le notizie diffuse.
Raqqa is Being Slaughtered Silently - campagna rivoluzionaria anti ISIS
Tra i moltissimi ospiti stranieri ci saranno Abdalaziz Alhamza e Hussam Eesa due tra i fondatori di Raqqa is Being Slaughtered Silently (RBSS) la campagna rivoluzionaria di informazione anti ISIS, nata per pubblicare e distribuire contenuti online in arabo e in inglese e documentare il massacro nella città siriana Raqqa; Anas Aremeyaw Anas il pluripremiato giornalista investigativo che lavora sotto copertura e combatte contro la corruzione e per i diritti umani in Ghana e non solo; Jay Carney Senior Vice President Global Corporate Affairs di Amazon ed ex Portavoce della Casa Bianca, in un incontro con il direttore de La Repubblica per esplorare il significato e le potenzialità del "explanatory journalism".

#IJF16 dove sta andando il giornalismo?
Click to tweet



Ci sarà Emily Bell una delle pensatrici più autorevoli del giornalismo digitale e direttrice del prestigioso Centro per il giornalismo digitale della CJS Tow Center for Digital Journalism -che per la prima volta ha organizzato alcuni panel discussion nell’ambito del Festival-, Trushar Barot mobile editor per BBC World Service, Craig Silverman direttore di Buzzfeed Canada e fondatore di Emergent.info, Madhav Chinnappa direttore strategic relations Google News and Publishers, Ewen MacAskill il corrispondente del Guardian per difesa e intelligence che nel 2013 è stato a Hong Kong per incontrare Edward Snowden, Matina Stevis corrispondente economica dall'Africa per il Wall Street Journal, Marcel Rosenbach giornalista del settimanale tedesco Der Spiegel per cui si occupa di inchieste sull'economia e la sicurezza nazionale. Ed ancora Liz Heron direttrice The Huffington Post, Andy Carvin direttore Reported.ly, Kate Riley della BBC News, Aron Pilhofer Executive Editor del Digitale del Guardian e cofondatore di Hacks/Hackers, Patricia Thomas giornalista corrispondente e produttrice dell’Associated Press Television News.
Il libro di Karim FranceschiMolti anche gli ospiti italiani tra cui la giornalista d’inchiesta collaboratrice dell’Espresso Stefania Maurizi, il direttore La Repubblica Mario Calabresi, la giornalista televisiva e corrispondente di Al Jazeera English Barbara Serra, l’editorialista e inviato di politica, economia e costume al Corriere della Sera Gian Antonio Stella; Sarah Varetto direttore di Sky TG24, Enrico Mentana direttore del Tg LA7, Lucia Goracci inviata di Esteri a Rai News 24, Anna Masera giornalista e  caporedattore e public editor (garante del lettore) presso La Stampa.
Inoltre Riccardo Iacona, Marco Travaglio, Lirio Abbate, Beppe Severgnini, Pietrangelo Buttafuoco, Stefano Rodotà e, per la prima volta al festival, ilgiornalista, paleontologo e divulgatore scientifico Alberto Angela e Franca Leosini autrice e conduttrice del programma televisivo cult Storie Maledette.

#IJF16 Anything to say?
Click to tweet



Tra i protagonisti di IJF16 anche i giornalisti de La Repubblica Carlo Bonini e Giuliano Foschini sul caso Regeni: le inchieste e la ricerca della verità, tra reticenze e depistaggi; Corrado Formigli e l’attivista e scrittore Karim Franceschi nell’incontro ‘Storia di un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis’; il fondatore de Il Foglio Giuliano Ferrara e il direttore di MicroMega Paolo Flores d'Arcais a confronto sulla “nostra identità”; Alessandro Gassman autore del documentario Torn – Strappati, realizzato in collaborazione con UNHCR Italia (che sarà proiettato al festival), in un incontro sull'arte e il giornalismo in tempo di guerra.
Torn Strappati il documentario di Alessandro Gassman
Torna Diego Bianchi, in arte Zoro, con Gazebo Live! insieme alla sua originale 'compagnia di giro' e si parlerà di sport e soccer telling con Fabio Caressa condirettore Sky Sport e l’ex calcatore Beppe Bergomi a 10 anni da quell’ “Andiamo a Berlino!” che ha fatto di loro una delle coppie più celebri del commento calcistico in tv.
Tra le presentazioni di libri: Cosa è successo quando ho “hackerato” il mio cancro al cervello, la storia di Salvatore Iaconesi e del progetto open source “La Cura”, un libro che potrebbe cambiare il nostro punto di vista sulle malattie e su come affrontarle; Giovanni Floris presenta il suo nuovo lavoro “La prima regola degli Shardana”; Andrei Soldatov e Irina Borogangli presentano il loro “The Red Web”, uno studio eccezionale sugli attacchi alla libertà di Internet e di espressione in Russia; ospite del festival anche il giornalista e scrittore Evgeny Morozov, autore del libro “Silicon Valley: i signori del silicio”, in conversazione con il giornalista Fabio Chiusi.
Festival Internazionale del Giornalismo - PerugiaIl festival offre anche quest’anno moltissimi workshop, tutti gratuiti, per permettere ai partecipanti di affinare le proprie competenze di diverse aree.
Tra i 75 in programma, previsti anche dei workshop formativi tenuti da Google e Twitter con Elisabetta Tola media training specialist per l’Italia di Google News Lab e Livia Iacolare Manager of Media Partnerships di Twitter Italia.
Da segnalare: Le ‘quattro C’ dell'uso di contenuti presi dai social: Copyright, Control, Credit e Cash! il workshop con Adam Rendle dello studio legale Taylor Wessing e Jenni Sargent direttrice First Draft News; Giornalismo, attivismo e diritti umani con Antonella Napolitano direttore comunicazione CILD e Lina Srivastava cofondatrice Regarding Humanity; La cybersicurezza e terrorismo (categoria hackers' corner) con Antonio Mauro dell’Osservatorio per la Sicurezza Nazionale; La diffamazione online, satira, parodia (categoria law&order) con l’avvocato Marcello Bergonzi Perrone; Tool per raccogliere, pulire e analizzare i dati (categoria data journalism) con Gianluca De Martino e Andrea Nelson Mauro di Dataninja.
The Internet Own Boy: la storia di Aaron SwartzMolti i film e documentari, tra i quali #ThisIsACoup: come l’Unione Europa ha distrutto il primo governo Tsipras di Theopi Skarlatos e Paul Mason, serie/documentario in quattro parti che esamina la vita ai tempi dell’austerità in Grecia, il confronto con l’UE, e il tumulto emozionale che accompagnava il cambiamento politico; la proiezione in anteprima italiana di Transparent (seconda stagione) e The Man in the High Castle, due serie televisive prodotte da Amazon Studios, presentate a IJF da Roy Price Senior Vice President di Amazon Studios.
E ancora The Internet’s Own Boy: la storia di Aaron Swartz diretto da Brian Knappenberger, racconta la storia affascinante e tragica di una delle menti più brillanti della cultura digitale degli ultimi tempi.

#IJF16 Festival Internazionale del Giornalismo dal 6 al 10 aprile a Perugia
Click to tweet



Nel trentennale del disastro di Chernobyl, arriva in anteprima al festival Il complotto di Chernobyl, il film di Chad Gracia vincitore del Gran Premio della Giuria a Sundance 2015; ci sarà anche Greenpeace. How to change the world il pluripremiato film documentario sulle origini e la storia di Greenpeace.
Tra i numerose presentazioni:The Coral Project - lavorare con la community per un giornalismo migliore, Greg Barber The Washington Poste Marc Lavallee The New York Times racconteranno il progetto che sta creando strumenti open source per editori di qualsiasi grandezza; Matt Waite fondatore Drone Journalism Lab spiegherà ai giornalisti come utilizzare al meglio i droni evitando i pericoli connessi.
Anything to Say? dell'artista Davide Dormino
In diretta da Perugia Luca Bottura con Lateral - Radio Capital e con la trasmissione 42 il nuovo gioco sull’attualità condottainsieme a Enrico Bertolino; Eta Beta, il programma quotidiano di Radio 1, ideato e condotto da Massimo Cerofolini e, per il secondo anno consecutivo, Voci del Mattino - Radio1, con Paolo Salerno.
Evento Speciale: per la prima volta in Italia, dopo un tour nelle piazze più importanti d’Europa, l’installazione Anything to Say? dell’artista Davide Dormino; la scultura di bronzo che ritrae a grandezza naturale, in piedi sopra tre sedie, le figure di Edward Snowden, Julian Assange e Chelsea Manning, che hanno avuto il coraggio di dire no all'intrusione della sorveglianza globale e alle bugie che portano alla guerra. La quarta sedia è vuota e serve per invitare il pubblico all'azione prendendo posizione simbolicamente al fianco delle tre figure.
Per consultare l’intero programma del festival: qui

LA TUA OPINIONE!
  Nome
  E-Mail
Sito web
Codice di verifica
    
Commento


piede